Alopecia androgenetica

Follicoli

L’alopecia androgenetica (AGA) è una condizione morbosa cronica, geneticamente determinata, caratterizzata da una progressiva involuzione dei follicoli piliferi, e dei capelli che ne derivano (vedi figura), ad opera degli ormoni androgeni ed, in particolare, del diidrotestosterone (DHT).
Nell’uomo esita clinicamente con un arretramento della linea frontale dell’attaccatura dei capelli e con lo sviluppo di un’area diradata a livello del vertice del capo; nella donna con un diradamento sempre più evidente dell’area centrale del cuoio capelluto. Tale condizione è sostenuta dalla presenza concomitante: da un lato, di un rapporto tra gli ormoni androgeni ed estrogeni dell’ordine di quello presente nel plasma del maschio adulto; dall’altro, di un corredo enzimatico nei follicoli piliferi particolarmente provvisto di quegli enzimi capaci di convertire androgeni di bassa e media attività biologica in ormoni a più alta attività androgena. In particolare, risulta determinante la presenza dell’enzima convertitore del testosterone in diidrotestosterone: la 5α-reduttasi. Di fatto, nel maschio, dopo la pubertà, è normale una prevalenza androgena; nella donna è necessario un abbassamento degli estrogeni, come avviene nella menopausa, oppure una situazione patologica in grado di aumentare la sintesi di androgeni o la conversione in ormoni androgeni più potenti per provocare nei soggetti predisposti, un innesco della miniaturizzazione dei follicoli. I molti sinonimi di alopecia androgenetica includono: calvizie di tipo maschile, alopecia o calvizie comune, calvizie ereditaria, alopecia seborroica oppure semplicemente calvizie.

Per avere una migliore conoscenza del tema è possibile scaricare il pdf dell'ultimo libro del Dott. Daniele Campo: "L'Alopecia Androgenetica spiegata bene".


Istituto Ortodermico Italiano
Viale XXI Aprile, 29 - 00162 Roma
P.IVA 10378430580
© 2024 all right reserved

Designed by
Studio Ruggieri Poggi